Etichetta FSC®, per accedere al mercanto Green.

Continua il viaggio di Anthemis nel mondo delle certificazioni di sostenibilità (qui post sulla precedente certificazione). Oggi vi vogliamo parlare di FSC® (Forest Stewardship Council®). La certificazione FSC garantisce che il prodotto con etichetta FSC proviene da una foresta e da una filiera di approvvigionamento gestita in modo responsabile. Se la sigla FSC non vi dice nulla forse il suo logo, qui sotto, lo avrete già incontrato su più packaging o etichette in svariati prodotti.

Per approfondire la certificazione dell’etichetta FSC abbiamo contatto direttamente la sede italiana che fa riferimento al gruppo FSC-Italia, oggi Associazione Italiana per la Gestione Forestale Responsabile (FSC Italia). E nello specifico, ringraziamo il dott. Andres Ortolano Tabolacci (CoC technical assistant and training) a cui abbiamo fatto una breve intervista che trovate riportata qui sotto.

Quali sono i valori e la filosofia che costituiscono l’anima di FSC?

Il Forest Stewardship Council è un’organizzazione internazionale non governativa, indipendente e senza scopo di lucro, nata nel 1993 per promuovere la gestione responsabile di foreste e piantagioni. Grazie al suo modello di governance, FSC ha dato vita ad un dialogo globale per definire una gestione forestale davvero responsabile e tutelare l’ambiente naturale, portando vantaggi reali a popolazioni, comunità locali, lavoratori e assicurando efficienza in termini economici.

Per fare ciò, FSC ha creato un sistema di certificazione in grado di assicurare in modo trasparente e credibile un impatto positivo sulle foreste e sulle comunità, indirizzando le persone a compiere scelte etiche e aiutando la società a riconoscere il valore delle foreste per un futuro sostenibile.

Perché è importante per un’azienda avere la certificazione FSC?

La certificazione, e l’etichetta FSC, sono usate come leva strategica e competitiva dalle aziende che vogliano accedere al segmento green del mercato differenziando la propria offerta, e come strumento per attuare politiche di responsabilità sociale d’impresa. Per un’azienda essere certificati FSC vuole dire impegnarsi nell’approvvigionamento responsabile dei prodotto/materiali di origine forestale, dando così una maggiore garanzia ai propri clienti.

FSC inoltre garantisce la visibilità delle aziende a livello internazionale attraverso vari strumenti quali il Database Internazionale delle certificazioni FSC (bit.ly/database_FSC) e il rilascio della licenza per l’’utilizzo dei marchi di certificazione FSC. Alle aziende certificate FSC viene infatti concesso anche l’utilizzo dei marchi di certificazione, quali importanti strumenti di promozione e garanzia in grado di coinvolgente in maniera semplice e diretta anche i consumatori finali.

L’Italia ha diverse aziende che si sono certificate FSC. In questo momento di cambiamenti e di difficoltà economica quanto è strategica la certificazione FSC?

ll numero di certificati di Catena di Custodia rilasciati in Italia al 31 Ottobre 2020 è pari a 2.794, il 10% in più rispetto a quelli fatti registrare a Novembre 2019, ossia più di 360 nuove certificazioni. L’Italia è inoltre il 1° Paese in Europa per numero di certificazioni e il 2° a livello mondiale, a dimostrazione della scelta di responsabilità delle aziende italiane.

Il Covid-19 non sembra al momento aver ridotto l’incremento del numero di certificazioni, che si appresta ad essere pari a quello dell’anno scorso. I momenti di crisi fanno anche porre maggiormente l’attenzione su nuove strategie da intraprendere, e la sostenibilità pare essere il trend più importante in questo momento, come già dimostrato con la crisi del 2008 dove si sono registrati i maggiori incrementi dei numeri di certificati FSC nella storia di FSC Italia.

Grazie ancora al dott. Tabolacci per la sua disponibilità e per le preziose informazioni. Mentre Anthemis vi da appuntamento al prossimo mese per la nostra prossima tappa nel mondo delle certificazioni di sostenibilità.

(di Andrea Pittana)

 

 

 

 

Menu