Legge di bilancio 2021: novità ed incentivi per il mondo green

La legge di Bilancio 2021 ha iniziato il suo percorso: dopo la firma del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella che ne approva il testo, la legge dev’essere approvata dal Parlamento entro fine anno. I risvolti chiave della legge riguardano il fisco, l’occupazione giovanile e femminile, la sanità e gli investimenti per il mezzogiorno. Ma una parte delle risorse stanziate riguarderanno anche l’ambiente.

Sono infatti circa 5 miliardi la quota degli investimenti che andranno ad interessare il mondo green.

In particolare, le misure sono rivolte a fornire incentivi per chi acquista veicoli elettrici o ibridi e per riqualificazioni energetiche e ristrutturazioni delle abitazioni, andando a prorogare le detrazioni per la casa e spostando la validità del bonus verde fino al 31 dicembre 2021.

Novità della manovra è anche l’inserimento di agevolazioni per i Parchi Nazionali e i comuni che ne fanno parte, le cosiddette ZEA, Zone Economiche Ambientali: vi saranno perciò incentivi per migliorare e rinnovare tali aree, come per implementare la sentieristica. Per la prima volta il fondo per il sistema nazionale delle aree protette viene incrementato di 11 milioni e non ridotto: tali risorse saranno destinate ai parchi nazionali, alle aree marine protette e ai caschi verdi (dopo il 2023) che si occuperanno di tutelare la natura e l’ambiente in tutta la nazione.

Le risorse quindi saranno rivolte anche a coloro che si occupano di proteggere l’ambiente: la legge di Bilancio 2021 si occuperà di aumentare i controlli e la vigilanza, di contrastare il dissesto idrogeologico e di promuovere l’importanza della risorsa idrica.

Infine, per quanto riguarda le valutazioni ambientali, saranno stanziati fondi affinché la Commissione Via, Vas e IPCC possano avvalersi di Ispra al fine di accelerare le procedure di valutazione ambientale.

Tali investimenti sull’ambiente e sulla sostenibilità sono necessari al fine di garantire un futuro alle prossime generazioni e contrastare i cambiamenti climatici.

(di Elisa Faioli)
Menu