Piemonte: nuove disposizioni per la trasformazione del bosco

Per trasformazione del bosco si intende “qualsiasi intervento che comporti l’eliminazione della vegetazione arborea e arbustiva esistente finalizzato ad attività diverse dalla gestione forestale”. Tale trasformazione è vietata, come indicato dall’Art.9 c.2 della L.R. 4/2009, fatte salve le autorizzazioni rilasciate dalle amministrazioni competenti.

La Giunta regionale, con deliberazione n. 4-3018 del 26/03/2021 ha aggiornato le precedenti disposizioni della D.G.R. n. 23-4637 la quale forniva disposizioni sulle trasformazioni del bosco ad altra destinazione d’uso, stabilendo criteri e modalità per la compensazione.

Le nuove disposizioni entreranno in vigore il 1° maggio 2021 e le novità riguardano:

  • la base di calcolo per definire il valore economico del bosco oggetto di trasformazione: l’importo base scende da 15.000 a 10.000 euro ad ettaro;
  • le modalità di pagamento di compensazioni e cauzioni con PiemontePay, che non rendono necessario allegare le ricevute di pagamento all’autocertificazione, da presentare 30 giorni prima di iniziare i lavori;
  • le indicazioni precise per l’utilizzo dell’elenco dei siti idonei per le compensazioni da parte di privati e da parte della Regione Piemonte, nonché per il calcolo del valore economico di boschi oggetto di trasformazione che risultano suddivisi in più corpi;
  • il generale adeguamento delle definizioni al D.Lgs. 34/2018 e l’eliminazione dei riferimenti normativi obsoleti al D.Lgs. 227/01.

Anthemis Environment, grazie ad all’esperienza decennale nel settore, fornisce servizi professionali per la gestione e la progettazione forestale, supportando privati ed imprese ad interfacciarsi con la pubblica amministrazione.

(di Elisa Faioli)
Menu